Lo avevo scritto due anni fa…. Hasta luego, Lucho

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Fugace

Un’idea di addio
virtuale ed effimera
e tuttavia infinita.
Un’idea passeggera di lacrime, abbracci
senza parole,
moltiplica i suoni, i cardini,
le soglie, le maniglie,
il delizioso movimento dei treni
e infine il silenzio dell’addio.

Una crosta traditrice
resta per sempre sulla banchina della 
memoria
nei commiati
irrevocabili.

Carmen Yáñez

Carmen Yáñez è la moglie di Luis Sepúlveda, lo scrittore. Si sono conosciuti quando erano adolescenti:

Avevo 15 anni, lui 18. Scriveva poesie, faceva teatro. Lo portò a casa mio fratello, che era pittore e suo amico. Un anno dopo ci fidanzammo. I miei genitori erano contrari: “Un poeta? Lascia perdere. Un tipo così non ha futuro”. Uscivo con lui di nascosto, i miei vennero a saperlo e mi impedirono di vederlo. Alla fine non ci restò che fuggire, come Romeo e Giulietta. E, subito dopo, era tempo di affrontare “seriamente” la situazione. Avevo appena compiuto 19…

View original post 681 altre parole