Franco Matticchio (Varese 1957)  ha esordito come illustratore sulle pagine del Corriere della Sera”, per poi diventare nel 1986 anche autore di fumetti, collaborando con numerose testate – tra cui “Linus” e il “New Yorker” – e ottenendo numerosi riconoscimenti.

matticchio copertina-time

 

Questa presentazione richiede JavaScript.

Dopo prestigiose collaborazioni «l’incontro con Linus ha segnato una svolta. In quel periodo era una testata molto importante ed è stato il mio tempo “a fumetti”, una decina d’anni a partire dall’84, ’85, con le avventure di Mr.Jones: il gatto con la benda, che viveva storie strampalate, “senza senso”. Gli succedevano tante cose diverse e lui non capiva mai bene come comportarsi…».

“Linus” è uno storico mensile italiano dedicato esclusivamente ai fumetti, nato nel 1962. Ha pubblicato, oltre alle strisce di Peanuts del grande Charles Schultz – che è all’origine del nome – anche gli eroi di carta di Hugo Pratt, Guido Crepax, Dino Battaglia, Enzo Lunari, Altan, Jacovitti, Andrea Pazienza e tante altre splendide immagini, serie e racconti.

L’amore per il fumetto viene da lontano: infatti, come lui stesso ha sempre dichiarato, da piccolo era un fanatico di “Topolino” e passava ore a ridisegnare le strisce.

Nel 1994 ha realizzato la sequenza animata per i titoli di testa de “Il Mostro” di Roberto Benigni. Suoi sono i disegni e lo “story board”.

Matticchio ha realizzato anche le copertine di diverse opere, come quelle di Carlo Emilio Gadda.

«Ho letto tutti i suoi libri, a partire da “La cognizione del dolore”, e mi è venuta l’idea di fare ogni copertina con uno sfondo colorato diverso, con cartoncini che ho riempito con i particolari che trovavo nel libro, segnandomi ogni cosa che mi sembrava divertente.»

 

Matticchio venere privataCopertina realizzata da Franco Matticchio.

Matticchio disegna copertine per la casa editrice Garzanti: sono sue tutte le copertine per i romanzi di Scerbanenco, e collabora a “L’Indice”, “Internazionale”, “Vivimilano” e “Ventiquattro”. Ha realizzato per Feltrinelli Universale Economica le copertine dei volumi di Paul Watzlawick.

MATTICCHIO scerbanenco
Disegno per la copertina di “Traditori di tutti” di Giorgio Scerbanenco, Garzanti 1998

Tra gli artisti amati da Matticchio ci sono Magritte, Hopper e gli astrattisti, l’artista francese Roland Topor.

Nel 2011 un suo dipinto è stato esposto alla Biennale di Venezia e a Milano, a Palazzo Reale, era visibile il suo “Nascondino” che, dice l’artista, «forse è la mia opera che mi piace di più, che più mi rappresenta. E’ personale… mi sa che questa donna scappa proprio da me!».

matticchio donna stesa

Vi segnalo la mostra “Donne – Women“: https://www.frizzifrizzi.it/2019/07/12/save-the-date-franco-matticchio-donne/

matticchio_donne_1