Può una biblioteca essere eco-sostenibile? A quanto pare sì, almeno a Taipei.

Costruita nel 2006 sulla base del progetto dello studio Bio-Architecture Formosana, è realizzata con soluzioni a imbatto ambientale zero: la materia prima per la struttura è il legno, ci sono poi celle fotovoltaiche sul tetto per l’energia elettrica, sistemi di raccolta dell’acqua piovana che viene riutilizzata nelle toilette e grandi finestre che garantiscono illuminazione naturale e ventilazione. Un perfetto esempio di bioedilizia, circondato da alberi e piante del Beitou Park, che creano un paesaggio davvero salutare (l’edificio ha infatti ottenuto un ottimo livello di EEWH, la certificazione per l’ecologia, il risparmio energetico, la riduzione dei rifiuti e la salute).

Per quanto riguarda il patrimonio culturale i dati, aggiornati all’aprile 2014, parlano di 6 milioni di libri, 348 mila materiali multimediali, quasi 9.000 periodici e 1.500 quotidiani. I prestiti ammontano a 691.871 (volumi) e i visitatori, solo in quel mese, sono stati 1.300.000.

Questa presentazione richiede JavaScript.