Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

Non conquistammo che sabbia

INCIPIT

Venti giorni di giallo e torrido deserto. Le chiappe come un budino sbatacchiate sul dorso di un serafico cammello e in testa soltanto tre parole: acqua, bidè e parrucchiera. Madame De Cecco stentava a ricordare per quale motivo aveva accettato di partecipare a quel dannatissimo viaggio. Le era sembrato, come sempre, di annuire ad una civettuola proposta di facili emozioni, nulla di più. Aveva pensato, come sempre, di potersi avventurare per finta, magari a braccetto di qualche giovane fusto, in situazioni risolte da altri, alle quali avrebbe potuto contribuire con la solita, adorabile fragilità e senza dover patire le vere asprezze di una spedizione. Invece a ogni sobbalzo dell’animale sentiva un rigurgito che le sconquassava impietosamente lo stomaco. Vuoto, senza mezzi termini, vuoto.

Domenico Aliperto

post qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: