Continua il mio viaggio nell’immagine, nell’illustrazione a tutto tondo.

Pittore, illustratore, cineasta, Gianluigi Toccafondo (San Marino, 1965) si presenta come il capofila di quella generazione di pittori prestati all’animazione che sta caratterizzando la scena italiana. Un artista a tutto tondo, innamorato dell’arte grafica, del cinema e delle rispettive ibridazioni e trasformazioni. I personaggi nei suoi disegni e nei suoi video si trasformano, si allungano, si deformano. Le braccia, i nasi, il corpo si immergono nel colore della scena, è un divenire ricco di personalità e passione. Toccafondo ci mette poesia e riesce a raccontare con piacevole leggerezza un mondo che vive.

Toccafondo all'opera

«Il mio lavoro nasce all’interno del cinema – spiega Toccafondo – non ho quasi mai disegnato su carta bianca, parto sempre da un’immagine, spezzoni di film o scene girate da me con l’aiuto di operatori; faccio migliaia di fotografie, stampo su carta o su fotocopie, ci dipingo sopra con colori acrilici, matite o altro e modifico continuamente l’immagine fino a cambiare quasi completamente quella originaria; filmo i disegni con una verticale tradizionale in pellicola 35 mm e vedo il risultato in proiezione. Il risultato finale è un film d’animazione che conserva un movimento reale».

Il suo film più recente, “La Piccola Russia“, premiato ai festival di Ottawa, Ljubljana,Tallin e Torino, è la sua opera più ambiziosa e complessa, e segna il vertice della sua produzione più personale e intimistica, alla quale si affianca un altro filone dall’ispirazione più legata al mondo del cinema (Le criminel), della letteratura (Pinocchio), e della cultura in genere (Essere morti o essere vivi è la stessa cosa, ispirato alla figura di Pier Paolo Pasolini).

Questa presentazione richiede JavaScript.

Attivo anche in pubblicità e in televisione, ha realizzato sigle per programmi di successo (Tunnel), il logo e la sigla della Fandango (che ha prodotto i suoi ultimi film), campagne rimaste famose come quella, ormai decennale, per la Sambuca Molinari (su regia di Pietro Follini) e nel 1999 la sigla d’apertura della 56ª Mostra del Cinema di Venezia, che vedeva protagonista un’ Asia Argento trasfigurata in sirena. E’ stato aiuto regista del film Gomorra di Matteo Garrone.

Toccafondo ha disegnato anche copertine: “Questa storia , il libro di Alessandro Baricco, edito dalla Fandango, è in distribuzione con ben quattro copertine diverse scelte tra le varie proposte. Il tema è quello della velocità, delle auto, delle moto con il segno inconfondibile di Toccafondo, il suo gusto, il suo movimento. Protagonista del romanzo è Ultimo Parri, figlio di un contadino piemontese che apre una carrozzeria in un tempo in cui l’uso dell’automobile era ancora poco diffuso.

Toccafondo Baricco questa-storia-4Toccafondo Baricco questa-storia-3Toccafondo Baricco questa-storia-01

Toccafondo Baricco questa storia 3

Ha esposto le sue opere in importanti mostre e collabora a riviste culturali e d’arte. Suoi disegni sono stati pubblicati da: Fandango, Einaudi, Mondadori, Little More, Giunti, Pulcinoelefante, Salani, Feltrinelli. Ha collaborato con le riviste: Linea d’ombra, Lo straniero, Internazionale, Mano, Abitare, Teléma.