felix vallotton tramontoFélix Vallotton nasce nel 1865 a Losanna e già a diciassette anni scopre la sua vocazione per l’arte: si trasferisce a Parigi per frequentare l’Académie Julian, dove, tra tanti artisti emergenti, conosce il gruppo dei Nabis. Lega molto con loro, apprezzando soprattutto l’espressione bidimensionale del disegno; per contro, rifiuta i temi del simbolismo che invece nel gruppo andavano per la maggiore, preferendo scegliere i suoi soggetti nella vita reale.

Della sua infanzia e dalla sua città, gli rimangono nel cuore gli scorci del Lago Lemano, soprattutto nella luce del tramonto.

felix vallotton the lake leman

Nel 1885 espone le sue prime opere al Salone degli artisti francesi e nel 1892 al Salone degli artisti indipendenti.

Ma prima ancora di lasciare una traccia nella pittura, nell’ultimo decennio del 19esimo secolo Vallotton diventa celebre come grafico, illustrando libri, locandine, riviste.

Le sue xilografie, fatte di linee sottili e di contrasti semplici, riescono a ridare una sua nobiltà all’arte dell’incisione nel legno, relegata da molto tempo in secondo piano.

Felix-Vallotton on the beach

Pur ammirando Paul Cézanne, vede soprattutto nell’arte di Henri Rousseau e di Henri de Toulouse-Lautrec un modo per rappresentare con lineare evidenza la cronaca quotidiana; e alla cronaca si rifanno anche molte sue xilografie di ispirazione sociale ed esistenziale, eseguite specialmente dal 1891 al 1898, anni in cui sospende quasi del tutto l’attività pittorica.

Tornato alla pittura, Vallotton si dedica di preferenza agli interni, ai ritratti, ai nudi e ai paesaggi, dove i colori puri e squillanti sembrano anticipare il Surrealismo.

Félix-Vallotton natura morta

Nelle opere di questi anni lo spazio del dipinto è quasi completamente privo di profondità ed è dominato dall’armonia di colori vivi e intensi: queste composizioni sono le più vicine allo stile dei nabis e di Paul Gauguin. Trae inoltre ispirazione dalle nature morte di Paul Cézanne, soprattutto nel gioco di luce e ombra dei panneggi che fanno da sfondo ai fiori e alla frutta; a loro volta, queste tele avranno una grande influenza su Henri Matisse.

felix vallotton neva-light-fog-1913Quasi sempre ridotti a forme elementari, al limite dell’astrazione, i crepuscoli di Vallotton sono in definitiva soltanto un pretesto per sperimentare fenomeni di luce e variazioni cromatiche.

felix vallotton the pont neuf

Durante la prima guerra mondiale si recò al fronte: questa esperienza lo colpì profondamente e lo portò ad eseguire opere cariche di elementi simbolici. Negli ultimi anni di vita alternò i soggiorni a Parigi a lunghi viaggi, soprattutto in Normandia. Morì a Parigi il 29 dicembre 1925.

felix-vallotton-verdun-1917
Verdun, 191