Come anticipato nel post di inizio mese, vi svelo quali saranno i libri che accompagneranno la mia estate. Ora sono arrivati tutti, e vedermeli qui davanti mi fa salire a mille l’eccitazione. Ovviamente ho avuto un attimo di titubanza per decidere da quale cominciare; alla fine, ho optato per:

Ward canta spirito cantaJesmyn Ward, con “Canta, spirito, canta“, visto che ho da poco letto il primo volume della Trilogia di Bois Sauvage, e che mi ha davvero soddisfatta. Con questo secondo romanzo, Jesmyn Ward torna nel suo Mississippi, una terra in cui il legame con le origini, i vincoli di sangue e la natura sono fatti di amore e violenza, colpa e speranza, umanità e riscatto.

 

Aggiornamento: qui potete leggere la mia recensione.

 

 

Vediamo quali sono gli altri, attraverso le quarte di copertina; naturalmente, man mano che leggerò, vi racconterò in dettaglio le miei opinioni.

Rimanendo negli Stati Uniti, ho deciso di leggere i due romanzi di James Anderson, “Il diner nel deserto” e “Lullaby Road“.

Anderson dinerBen Jones è un camionista sull’orlo della bancarotta che effettua consegne lungo la statale 117 del deserto dello Utah, una terra ospitale solo per chi ha scelto di isolarsi dal mondo. Un giorno Ben incontra Claire, che si nasconde dal marito in una casa abbandonata e suona le corde di un violoncello invisibile. L’amore per Claire porta Ben a stringere amicizia con Ginny, un’adolescente incinta in rotta con la madre, e a fare i conti con il burbero affetto di Walt, il proprietario di un diner nel deserto chiuso da anni in seguito a un terribile fatto di sangue. Tra rivelazioni inaspettate, scomparse improvvise e il furto di un prezioso strumento musicale, tutti incontrano il proprio destino, cieco come le alluvioni che allagano i canyon rocciosi.
Con dolce e disincantata ironia, James Anderson ci consegna un avvincente noir on-the-road, in cui il male e il desiderio di vendetta svaniscono di fronte alla lealtà che unisce i personaggi: impalpabile come l’ombra di un miraggio, intensa come la luce che abita il deserto.

Aggiornamento: qui potete leggere la mia recensione.

Anderson LullabyAnche nel deserto dello Utah è arrivato l’inverno. Ben Jones, alla guida del suo camion, guarda la statale 117 ricoprirsi di ghiaccio mentre cerca di rimettere in ordine la sua vita: l’amata Claire non c’è più e Walt pare sempre più chiuso in se stesso e nel suo diner solitario. Ma la solitudine dura poco: una mattina all’alba, alla stazione di servizio dello scontroso Cecil, Ben trova un bambino e un cane. Su un biglietto indirizzato a lui, il gommista Pedro gli chiede di badare a suo figlio Juan; e come se non bastasse, subito dopo anche Ginny, da poco diventata mamma, gli affida la piccolissima Annabelle. Con questi insoliti compagni Ben si mette in viaggio, ignaro del mistero che si nasconde nei grandi occhi neri di Juan. Con una scrittura ironica e suggestiva, nel secondo capitolo della Serie del Deserto James Anderson racconta una storia di frontiera dalle atmosfere noir, in cui Ben Jones è costretto a difendere chi ama in un mondo in balìa della violenza, dove l’unica arma davvero efficace è la gentilezza.

Aggiornamento: qui potete leggere la mia recensione.

Dagli Stati Uniti mi sposterò in Vietnam, per leggere il libro Premio Pulitzer 2016Il simpatizzante” di Viet Thanh Nguyen. Dello stesso autore avevo letto “I rifugiati“, che consiglio vivamente.

ESECUTIVO Il simpatizzante.inddÈ l’aprile del 1975 e, con i Vietcong già alle porte della città, Saigon precipita nel caos. Nella sua villa, un generale sudvietnamita sorseggia whiskey e, con l’aiuto dei suoi fidati ufficiali, appronta la lista di coloro destinati a imbarcarsi sugli ultimi voli messi a disposizione dall’amministrazione americana per abbandonare il paese. Il generale è il capo della Polizia Nazionale e dei servizi segreti del Vietnam del Sud e ha come aiutante di campo un giovane capitano che è, in realtà, un agente segreto comunista incaricato di riferire sulle attività militari e sul controspionaggio del Vietnam del Sud. Figlio illegittimo di una vietnamita e di un prete cattolico francese, il capitano è stato educato negli Stati Uniti, dove ha imparato a parlare inglese senza accento e a sviluppare un rapporto di odio-amore nei confronti di un paese dove tutto è «super» (i supermarkets, le superhighways, il Super Bowl, e così via). Animato da un’autentica fede nel comunismo, è tornato in Vietnam per sostenere, da agente doppiogiochista, la causa dei Vietcong.

Dal Vietnam mi sposterò in Siria, con:

Yazbek diaciannove donneDiciannove storie dedicate alle protagoniste silenti della rivoluzione siriana. Presenti numerosissime sul campo, spesso in prima fila, le donne siriane hanno dovuto combattere non solo il Regime, l’Isis e i ribelli islamici ma l’intera società patriarcale. «In questo libro le donne non pretendono di possedere la verità» scrive Samar Yazbek accingendosi a lasciare la parola alla voce e allo sguardo delle sue testimoni. Le storie da lei raccolte dall’inizio della guerra civile siriana nel 2011 sono di donne provenienti da famiglie della classe media, mogli, studentesse universitarie, insegnanti, giornaliste. Quasi tutte per sfuggire alla persecuzione e alla morte sono uscite dalla Siria e si trovano ora nei paesi confinanti o in Europa. Consapevoli che non faranno mai ritorno in patria vivono immerse in una forte nostalgia e in una grande costernazione per la perdita di umanità e per le tragiche condizioni in cui versa oggi il loro paese, diviso e abbandonato anche dalla comunità internazionale.

Dopo la Siria, sarà la volta della Croazia:

Dikic circus columbiaEpopea grottesca, surreale, e satira corrosiva, è un racconto che ha inizio il 14 luglio 1991 quando in una città dell’Erzegovina giunge una Mercedes bianca con targa tedesca. Scende un rancoroso emigrante che fa ritorno al luogo natio dove smarrisce subito il gatto nero a cui è morbosamente legato. Si scatena una pirotecnica ricerca che coinvolge tutta la comunità e che si incrocia con le vicende di un giovane disertore in fuga. Nel contempo una nuova generazione di “vincitori” si afferma attraverso purghe ed esecuzioni sommarie. All’arrivo del Cirkus Columbia, la cittadina è ormai in preda ai venti di guerra e il folle girare della sua giostra rimane l’unico disperato passatempo. “Cirkus Columbia” ha vinto il premio Mesa Selimovic come miglior romanzo dell’area balcanica e dal libro è stato tratto l’omonimo film diretto dal premio Oscar Danis Tanovic.

Dirigendomi verso ovest, farò una tappa in Francia:

Claudel profumi

È possibile raccontare una vita, la propria, attraverso gli odori che ne hanno caratterizzato i momenti salienti, destinati a imprimersi nella memoria? Per Philippe Claudel non è solo possibile, è una realtà a tutti gli effetti, che si snoda in “Profumi”. Vero e proprio puzzle olfattivo composto di sessantatré tessere rigorosamente in ordine alfabetico, “Profumi” rievoca un mondo ormai perduto, fatto di gente semplice, indissolubilmente legato all’infanzia, all’adolescenza e alla giovinezza del suo autore. Tra i boschi di conifere, i campi e i fiumi della Lorena qui descritti, tornano a vibrare attraverso la rievocazione sentimenti ed emozioni che, descritti con la libertà poetica e il tocco leggero del grande scrittore che sa stuzzicare i sensi di ognuno, trascendono la dimensione più strettamente personale per approdare a un’esperienza universale.

E poi un salto in Italia e Portogallo, prima di attraversare l’oceano:

Baldelli VicoloClelia è una ragazza di poco più di vent’anni, vive in un paesino della Bassa, in provincia di Reggio Emilia e lavora in una fabbrica di giostre. In questo modo sostiene la famiglia, una madre vedova, incattivita col mondo, che non perde occasione per incolparla di tutto, e la sorella Marisa, affetta da poliomielite. La giovane ha però una vita laterale, un punto di osservazione tutto suo dal quale si immerge nei sentimenti, nelle opportunità, nei grandi cambiamenti che avvengono alla fine degli anni ’50, e poi le prime rivendicazioni sociali degli anni ’60 col presagio di un periodo più buio e conflittuale. Un amore perduto la porterà ad abbandonare l’Italia, a voltare pagina e a inventarsi una nuova vita, diventando Amalia. Amalia giunge a Lisbona all’inizio degli anni ’70 cercando di capire il perché di una piccola e nitida ombra nera che l’accompagna da qualche tempo. Per sopravvivere si prende cura di una signora anziana, Francisca Josefa, ammalata d’amore, che attende l’arrivo della nebbia che sale dal fiume Tago accompagnando il ritorno di Sebastiano I, il re condottiero scomparso in battaglia alla fine del XVI secolo. Nei ritagli di tempo Amalia cuce abiti e alla sera lavora nella trattoria di Tia Marga, nel Beco do Imaginário, il vicolo dell’immaginario, che l’accoglie nella sua particolare comunità. Lì incontra Antonio, un ragazzo che porta sempre un garofano all’occhiello, e i suoi amici, studenti universitari appassionati di letteratura e di politica. Nella trattoria si consuma un’attesa legata alla leggenda delle anime del fiume che si mischiano ai viventi nelle notti in cui la bruma scende a coprire strade e case. Tornano per cenare e discutere, per affrontare rimorsi e rimpianti.

Da qui volerò in Sudamerica, in Argentina.

Conti Sudeste

La foce del Paraná non è tanto il riferimento a un luogo definito, ma il centro dell’universo che Haroldo Conti ci vuole mostrare: Sudeste è il vento che scuote questo universo. È la direzione da cui soffia quel vento che solleva e spinge il mare nel Delta. 11 Boga, un tagliatore di giunchi con gli «occhi da pesce moribondo», che conduce una vita sedentaria e monotona, decide dopo la morte del Viejo di avventurarsi sul fiume con una piccola barca sgangherata.

 

 Ma farò anche un viaggio in Colombia:

Benedetti criacuervoKlaus e Adler Zweig sono fratelli e condividono la stessa infanzia a Berlino, la stessa intimità con l’acqua, lo stesso vuoto lasciato dalla morte dei genitori e persino l’amore per la stessa donna. Sebbene abbiano preso strade diverse ora si trovano entrambi in un momento di stallo: Adler è al tramonto della sua carriera di nuotatore olimpico e si interroga sul proprio futuro, Klaus assiste impotente allo sgretolarsi della propria famiglia e della propria salute. Fino a quando la prospettiva di un incontro a Criacuervo, nel mezzo del deserto colombiano, offre ai due fratelli la possibilità di riconciliarsi con un passato di conflitti. Con una narrazione vigorosa, che scorre feroce e inarrestabile, Criacuervo percorre il sentiero dei destini interrotti, il tentativo disperato di trovare un senso alla strada che abbiamo scelto di seguire, ricordandoci che anche nel più arido dei deserti è possibile annegare.

Come vedete, pur trascorrendo l’estate nella mia Toscana, viaggerò molto con la fantasia, grazie a questi romanzi e ai loro personaggi.

Non mi resta che dirvi: buone vacanze!