Il romanzo di formazione è un filone narrativo che ha da sempre contato numerose opere e ha costituito – per molti lettori – il primo contatto con la letteratura. In questo genere si contano grandi classici, romanzi intramontabili che hanno scolpito nell’immaginario collettivo personaggi e avventure che sono passati di generazione in generazione.

Da David Copperfield a Tom Sawyer, a Huckelberry Finn, a Martin Eden, passando per Piccole donne, I ragazzi della via Pal , Il piccolo principe … e potremmo citarne ancora molti altri.

Anche la letteratura più recente ha navigato in queste acque, in Italia e all’estero, consegnando al popolo dei lettori grandi opere.  Italo Calvino lo ha fatto col suo primo romanzo, I sentieri dei nidi di ragno, Elsa Morante ci ha dato L’isola di Arturo. Dall’estero possiamo citare La vita davanti a sé di Romain Gary e Il buio oltre la siepe di Harper Lee.

Ma se fino a qualche anno fa era pensiero comune che questo genere di romanzi fosse quasi esclusivamente rivolto ai ragazzi, negli ultimi anni si è assistito ad una evoluzione: si sono rivalutati i classici ampliando lo spettro di lettori e sono stati scritti e pubblicati molti romanzi in cui i protagonisti sono bambini e ragazzi le cui storie fanno presa anche su un pubblico più adulto. Dalle storie di questi bambini abbiamo tutti da imparare e, forse, guardando il mondo da una prospettiva che abbiamo dimenticato, riusciremo a stare tra gli altri con più empatia ed umiltà.

In libreria se ne possono trovare davvero trovare tanti; qui vi suggerisco quelli che ho letto personalmente (di alcuni trovate la recensione) e che mi sento di consigliarvi se volete esplorare questo genere.

Libri e bamnini 2

 

Ammaniti Io non ho paura

“Io non ho paura” di Niccolò Ammaniti, Einaudi

Una storia tesa e dal ritmo serrato, un congegno a orologeria che si carica fino a una conclusione sorprendente: e mette in scena la paura stessa. Michele Amitrano, nove anni, si trova di colpo a fare i conti con un segreto cosi grande e terribile da non poterlo nemmeno raccontare. E per affrontarlo dovrà trovare la forza proprio nelle sue fantasie di bambino, mentre il lettore assiste a una doppia storia: quella vista con gli occhi di Michele e quella, tragica, che coinvolge i grandi di Acqua Traverse, misera frazione dispersa tra i campi di grano.  La storia è ambientata nell’estate torrida del 1978 nella campagna di un Sud dell’Italia non identificato, ma evocato con rara forza descrittiva. In questo paesaggio dominato dal contrasto tra la luce abbagliante del sole e il buio della notte, Ammaniti alterna, a colpi di scena sapienti, la commedia, il mondo dei rapporti infantili, la lingua e la buffa saggezza dei bambini, la loro tenacia, la forza dell’amicizia e il dramma del tradimento.

Millanta Vinpeel-degli-orizzonti

 

“Vinpeel degli orizzonti” di Peppe Millanta, Neo edizioni 

Una meravigliosa fiaba che ci racconta la vita, dalla quale spesso vorremmo fuggire, per lasciarci alle spalle quello che ci fa male. Allora ci rifugiamo in un mondo senza tempo, e ci chiudiamo così bene là dentro, da non vedere più vie di fuga. Perché abbiamo perso la capacità di emozionarci, di dare spazio ai sentimenti, di dare peso e valore a quell’unico attimo capace di illuminare una vita intera.

Per questo romanzo vi rimando alla mia recensione.

 

 

Baldelli Evelina e le fate

“Evelina e le fate” di Simona Baldelli, Giuti editore

La guerra ci viene raccontata attraverso gli occhi di una bambina di cinque anni che attraversa questi eventi sostenuta dall’amore della sua famiglia e dal coraggio che le infondono le sue amiche fate.

Vi ho parlato di questo romanzo in questa recensione.

 

 

 

mazzantini mare al mattino

“Mare al mattino” di Margaret Mazzantini, Einaudi editore

Un libro che mi ha molto sorpresa, una storia molto attuale. Ve ne ho parlato in questa recensione.

 

 

 

 

 

Ardone il treno dei bambini

 

“Il treno dei bambini” di Viola Ardone, Einaudi editore

Di questo emozionante romanzo vi ho parlato recentemente. Qui trovate la recensione.

 

 

 

 

 

Libri e bambini 3

 

Morante L'isola di Arturo“L’isola di Arturo” di Elsa Morante, Einaudi editore

Romanzo del 1957 con cui la Morante vinse il Premio Strega. Il romanzo è un’esplorazione attenta della prima realtà verso le sorgenti non inquinate della vita. L’isola nativa rappresenta una felice reclusione originaria e, insieme, la tentazione delle terre ignote. L’isola, dunque, è il punto di una scelta e a tale scelta finale, attraverso le varie prove necessarie, si prepara qui, nella sua isola, l’eroe ragazzo-Arturo. E una scelta rischiosa perché non si dà uscita dall’isola senza la traversata del mare materno; come dire il passaggio dalla preistoria infantile verso la storia e la coscienza.

 

 

Roman Gary la vita davanti a se

“La vita davanti a sé” di Romain Gary, Neri Pozza

Un romanzo che anticipa di vent’anni i personaggi e le banlieu di Pennac. Una storia editoriale unica. Vi rimando alla mia recensione.

 

 

 

 

 

Cingo grande madre acqua“Grande madre acqua” di Živko Čingo, Casa Sirio editore

Scritto con uno stile evocativo, lirico, attraverso l’uso di metafore e immagini, allo stesso tempo realistico e a tratti crudo; un romanzo di formazione, che vede il passaggio da un’età dell’innocenza ad una della consapevolezza dei limiti dell’uomo ma anche della sua capacità di superare quei limiti. Vi rimando alla mia recensione.

 

 

 

Ward salvare le ossa

“Salvare le ossa” di Jesmyn Ward, NN Editore

Ambientato in Mississipi, il romanzo racconta le vite dei protagonisti nei dodici giorni che precedono la devastazione inflitta dal passaggio dell’uragano Katrina, dalla voce della protagonista Esch, una ragazzina di quindici anni, ossuta, affascinata dal mito di Giasone e gli Argonauti e di Medea.

Ve ne ho parlato in questa recensione.

 

 

 

RutaTannenbaum

 

Ruta Tannenbaum, di Miljenko Jergović, Nutrimenti edizioni

Il romanzo racconta la vita della bambina Ruta, della sua famiglia e, con sguardo critico, la società zagrebese all’avvento del nazismo.

Non solo un romanzo di formazione, ma anche un affresco storico; ve ne ho parlato in questa recensione.

 

 

 

Lee buio oltre la siepe

“Il buio oltre la siepe” di Harper Lee, Feltrinelli

Il buio oltre la siepe è un romanzo di formazione: ambientato nello stato dell’Alabama a metà degli anni ’30, negli anni della grande depressione e della segregazione razziale – particolarmente violenta negli stati del sud – narra tre anni cruciali della vita di due fratelli e del loro padre.

Qui trovate la mia recensione.

 

 

 

Libri e bambini 4

 

Haddon Lo strano caso del cane

“Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte”, di Mark Haddon, Einaudi

Quando scopre il cadavere di Wellington, il cane barbone della vicina, Christopher Boone capisce di trovarsi davanti a uno di quei misteri che il suo eroe, Sherlock Holmes, era così bravo a risolvere. Perciò incomincia a scrivere un libro mettendo insieme gli indizi del caso dal suo punto di vista. E il suo punto di vista è davvero speciale. Perché Christopher soffre della sindrome di Asperger, una forma di autismo, e ha un rapporto molto problematico con il mondo. Odia essere toccato, odia il giallo e il marrone, non mangia se cibi diversi vengono a contatto l’uno con l’altro, si arrabbia se i mobili di casa vengono spostati, non riesce a interpretare l’espressione del viso degli altri, non sorride mai. Adora la matematica e l’astronomia, e uno dei suoi pensieri preferiti è immaginare di essere l’ultimo uomo sopravvissuto sulla Terra, o l’unico marinaio a bordo di un sottomarino nelle profondità dell’oceano. Scrivendo il suo libro giallo, e ripensando a romanzi come Il mastino dei Baskerville, Christopher inizia a far luce su un mistero ben più importante di quello del cane barbone. Come è morta sua madre? Perché suo padre non vuole che lui faccia troppe domande ai vicini? Per rispondere a queste domande dovrà intraprendere un viaggio iniziatico in treno e in metropolitana, in luoghi e situazioni che prima di allora avrebbe trovato intollerabili, approdando a una sorta di età adulta, orgoglioso di sapersi muovere nel mondo caotico e rumoroso degli altri.

 

De Vigan gli effetti collaterali dei sogni

“Gli effetti secondari dei sogni”, di Lou de Vigan, Mondadori

Lou Bertignac ha tredici anni e un quoziente intellettivo di 160. Per questo frequenta una classe in cui gli studenti sono ragazzi più grandi, che non hanno nulla da spartire con lei. A casa la situazione è anche peggiore: la sua famiglia, chiusa nel ricordo inconfessabile di una tragedia del passato, vive in un silenzio opprimente. Del tutto incapace di creare relazioni, Lou passa il tempo libero a vivere le emozioni degli altri e, nelle stazioni parigine, ama osservare quanto si dipinge sui volti di chi si lascia o si ritrova. È così che alla stazione di Austerlitz conosce Nolwenn, una ragazza di poco più grande che si è lasciata alle spalle un passato difficile e ora vive da randagia. Con lei si crea al primo sguardo un’intesa speciale. Due ragazze totalmente sole finiranno così per stringere un’amicizia che cambierà la loro vita e il loro mondo. E che, se anche non riuscirà a salvarle, darà loro nuove speranze.

 

Doyle Paddy Clark

“Paddy Clark ah ah ah!” di Roddy Doyle, Guanda

È il 1968. Paddy Clarke ha dieci anni. Gioca a calcio e gli piace moltissimo accendere fuochi. Il suo migliore amico è Kevin. Insieme costruiscono capanne e suonano i campanelli per scherzo. Paddy vorrebbe capire perché, per essere amici di qualcuno, bisogna anche odiare qualcun altro. Vorrebbe che papà e mamma la smettessero di litigare… È confuso: vede tutto, ma capisce sempre meno… Paddy Clarke ah ah ah! descrive il mondo con gli occhi e nel linguaggio inventivo e illuminante di un bambino, che lo osserva con rabbia e con dolore, ma anche con incantevole humour, l’espressione forse più bella della sua umanità, della sua capacità d’amare.

 

Simeone per-chi-è la-notte

“Per chi è la notte”, di Aldo Simeone, Fazi editore

Mentre la seconda guerra mondiale si avvia verso la fase più cruenta, tra i monti della Garfagnana c’è un paese che sembra rimasto escluso dalla Storia e in cui la vita è scandita da antiche leggende. Francesco, di undici anni, vive con la madre, malinconica e distaccata, e con la nonna che nutre le sue fantasie con i racconti popolari. Il ragazzino non ha amici e vive isolato perché, secondo le dicerie paesane, è figlio di un disertore. Ma quel marchio infame non è la sua unica vergogna. Ancora più inconfessabile è il richiamo del bosco, nonostante la paura di ciò che in esso si annida. All’arrivo dei nazisti, e dopo l’apparizione di strane luci nel fitto degli alberi, sarà Tommaso, un ragazzino dagli occhi verdi e dai capelli rossi, giunto misteriosamente da solo in fuga dalla città, a convincere Francesco a violare quell’estremo confine, oltre il quale bisogna scegliere da che parte stare.

Per questo romanzo, vi rimando alla recensione di Claudia, autrice del blog Il giro del mondo attraverso i libri:

https://girodelmondoattraversoilibri.wordpress.com/2019/09/12/aldo-simeone-per-chi-e-la-notte/

Levantino cuorebomba

“Cuorebomba” di Dario Levantino, Fazi editore

Ambientato in una Palermo difficile, un racconto che fonde la dimensione individuale con quella sociale per una storia emblematica sulla volontà di riscatto.

A Brancaccio, periferia degradata, l’unico modo per difendersi dalla ferocia del quartiere è la famiglia. Ma le famiglie, si sa, sono infelici per definizione e così quella di Rosario. Il padre ha un’altra donna, un altro figlio, e ora è in carcere per spaccio di sostanze dopanti. La madre Maria, invece, scoperta la doppia vita del marito, si ammala di anoressia. Su questo equilibrio precario piomba la scure dei servizi sociali: Maria finisce in una clinica per disturbi alimentari, Rosario in una casa-famiglia. Ispirato dalle sue letture clandestine, il ragazzo diventa così una sorta di Oliver Twist, in lotta contro una legge folle che, nel nome dei diritti dei minori, recide i legami e separa le persone dagli affetti più cari. Nella sua guerra al malaffare che gira intorno ai servizi sociali e nel tentativo di ricongiungersi alla madre, il protagonista però nulla potrà contro le estreme conseguenze di una sentenza definitiva. Fortuna che c’è Anna, ragazza di poche parole, misteriosa e magnetica, a donare a Rosario la luce di una rivelazione: esiste un solo veleno contro la morte ed è l’amore.
Dall’autore di Di niente e di nessuno, esordio felice e pluripremiato, un nuovo romanzo incisivo e vibrante sulla forza dei legami profondi, che vede ancora una volta il giovanissimo Rosario alle prese con le sofferenze della vita. Un racconto emozionante su cosa significhi diventare adulti affrancandosi dalla violenza e dalla miseria anche grazie allo sport e al potere salvifico dei libri.

Questi sono solo alcuni dei titoli che mi sono venuti in mente; ce ne sono di sicuro molti altri. Ce n’è uno che vi è rimasto nel cuore?